Home Attualità 9 maggio 1978, un giorno che ha cambiato l’Italia

9 maggio 1978, un giorno che ha cambiato l’Italia

4
0

Quaranta anni fa una data che ha cambiato la storia italiana.

In quell’occasione venne trovato a Roma il corpo dell’onorevole della Dc, Aldo Moro, veniva ucciso dalle Brigate Rosse 55 giorni dopo essere stato rapito. Il suo corpo fu ritrovato dentro una Renault 4 rossa in via Caetani, strada “simbolica”: si trova infatti vicino all’allora sede della Dc, in piazza del Gesù, e a via delle Botteghe oscure, sede del Partito comunista italiano. Solo qualche ora prima, nella notte tra l’8 e il 9 maggio, a centinaia di chilometri, a Cinisi, perdeva la vita il giornalista siciliano Peppino Impastato. «Peppino», come era noto nella sua terra, dopo aver rotto con la famiglia, nella quale figuravano anche alcuni mafiosi, si era esposto in prima persona per denunciare la criminalità dai microfoni di «Radio Aut». Dall’emittente criticò, in maniera spesso ironica, gli affari dei criminali locali, in particolare quelli del boss Gaetano Badalamenti.

Il 1978 è stato un anno cruciale per la repubblica, forse l’anno crocevia finale per quel progetto politico e sociale immaginato dalla costituzione.

Due vite diverse, due tragedie intrecciate nello stesso giorno unendo il Nord e il Sud. La Capitale e la provincia, nell’Italia degli Anni di Piombo. Il 9 maggio del 1978, 40 anni fa, il Paese perdeva due figure simbolo della sua Storia. La mattina di quel maledetto giorno cambiava per sempre la storia, politica e non, italiana.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here